Che cos’è la fabbrica del cioccolato Cima Norma, e cosa c’entra con il Coworking.

C’è un luogo assolutamente magico, che molti di voi ancora non conoscono, che non ha nulla a che invidiare alla magica Fabbrica di Cioccolato di Willy Wonka.Fabbrica del Cioccolato

Intanto perché è una Fabbrica di Cioccolato anch’essa, con tutta la meravigliosa suggestione che questo stupendo alimento evoca in tutta noi…

Inoltre, è depositaria di una storia, umana e professionale, di indicibile bellezza.

Per finire, i luoghi in cui è inserito questo impianto produttivo da tempo inattivo, sono a dir poco magnifici, e ci riferiamo non solo ai panorami della Valle di Blenio (Canton Ticino, Svizzera), ma anche proprio alle strutture interne della Fabbrica.

Da alcuni anni questo luogo è sede di una Fondazione che ha proprio lo scopo di valorizzare questa realtà, così particolare e ancora sconosciuta, attraverso le sue uniche e favolose caratteristiche.

Ma ancora non abbiamo risposto alla domanda del titolo… cosa c’entra tutto questo con il Coworking?

Beh, siamo felici di dirvi che gli ambienti di questo posto straordinario sono aperti alla condivisione, e non a caso sono già teatro di attività di varia natura – professionale in ambito formativo, artigianale e laboratoriale, di studio – e non mancano frequentatori su base quotidiana, che stanno dando, da tempo, nuova linfa a questa realtà, in tutti i sensi.

Fabbrica del Cioccolato Cima Norma CoworkingLa storia della Fabbrica del Cioccolato si riallaccia alla tradizione cioccolatiera del villaggio Torre , che nell’800 inviava i suoi figli a Nizza e a Milano per seguire la professione del cioccolatiere.

La fabbrica nasce nel 1903 per iniziativa dei fratelli Cima, ai quali seguì Giuseppe Pagani, che acquisì in seguito la fabbrica “Norma” di Zurigo, divenendo così  “Cima Norma”.

Tra mille peripezie (esondazioni, nubifragi e incendi), la fabbrica prosperò vari decenni, arrivando a produrre 1.500 tonnellate di cioccolato e occupando 340 persone.

Fu negli anni ’60 che, a causa delle mutate condizoni del mercato,  la fabbrica terminò le sue attività, per diventare dopo un periodo intermedio, proprietà dell’attuale Fondazione La Fabbrica del Cioccolato, la cui principale funzione è la valorizzazione in chiave culturale di questo importante patrimonio storico-territoriale.

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *